S.O.S. Bonus badanti

S.O.S. Bonus Badanti

A seguito dell’emergenza coronavirus molti sono stati gli interventi giunti in soccorso a favore dei lavoratori.
Tra questi il bonus per colf e badanti che è destinato ai lavoratori domestici non conviventi con il datore di lavoro. Per poter accedere occorre chiaramente avere alcuni requisiti.

Innanzitutto bisogna possedere, al 23 febbraio 2020, un contratto di lavoro domestico attivo e validato dall’Inps, la durata complessiva dell’orario di lavoro deve essere superiore a 10 ore settimanali, non può accedere chi è titolare di pensione ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità e chi è titolare di altri rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato.

Il richiedente non può, inoltre, essere percettore di altre indennità o prestazioni legate all’emergenza Covid-19 e per chi percepisce il reddito di cittadinanza o la pensione di cittadinanza, l’indennità viene riconosciuta fino al raggiungimento della cifra massima di 500 euro, come integrazione del sussidio.

Ebbene una volta presentata la domanda si potrà monitorare lo stato della lavorazione della pratica e anche variare i dati per l’accredito del pagamento.

Inoltre, se prima l’importo dell’indennità veniva calcolato in base alle ore settimanali previste dal contratto di lavoro, l’ultima versione del decreto prevede che l’indennità di 500 euro vada ai titolari di uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali. Il bonus, ancora, verrà corrisposto per il mese di aprile e maggio, quindi i beneficiari avranno ben due indennità, che non concorrono alla formazione del reddito.

Ottime notizie, dunque, anche per una categoria di lavoro che ha vissuto una profonda crisi durante questa emergenza covid-19: il subentro dello Stato in una occasione come quella che siamo stati chiamati ad affrontare risulta di notevole importanza per sostenere famiglie e lavoratori realmente bisognose di aiuto.

Un sistema completo e realmente efficiente vuole che tutte le categorie siano protette, specie quelle in questione a cui è stata privata la possibilità di svolgere il proprio lavoro – che per definizione si svolge a strettissimo contatto con l’assistito – e che spesso vengono surclassate dalle istituzioni.

 

Cerchi una badante?

AES Domicilio è attiva con le proprie badanti in tutta la Regione Lombardia ed in particolare nelle province di Milano, Badante Como, Lecco, Agenzia badanti Bergamo, Badante Pavia.
Siamo anche presenti attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio in Piemonte: Badanti Torino, badanti Asti e Cuneo, ed in molte altre province del Nord Italia.